Anastacia torna con Evolution, 4 date in Italia: “Ho ritrovato me stessa”

anastacia lancia evolution

La sua è una voce a dir poco inconfondibile. E’ una donna tosta, che ha lottato contro quella salute che non le è mai stata amica. Non si possono dimenticare infatti gli ostacoli che la vita le ha messo lungo il suo percorso, dal morbo di Crohn alla tachicardia sopraventricolare, fino alla doppia mastectomia a cui è dovuta ricorrere a seguito di una diagnosi di cancro al seno. Ma oltre ad essere una vera combattente, Anastacia è una cantante eccezionale, riconoscibile lontano un miglio grazie a una voce che è unica nel suo genere e che dal 2000 ormai accompagna la vita di tutti quanti noi.

L’estate scorsa è stata diverse volte in Italia tra ospitate televisive e concerti inerenti l’Ultimate Collection Tour, ma di qui a breve Anastacia farà ritorno nel Belpaese nell’ambito del suo nuovo tour che stavolta non si limita più a ripercorrere le grandi hits della sua carriera, ma a promuovere Evolution, il nuovo album di inediti targato Universal Music che i fan aspettavano a dire il vero da parecchio tempo.

Ed è così che in piena primavera Anastacia farà capolino anche in Italia in ben quattro date: si partirà con Brescia il 6 maggio, si proseguirà poi con Roma il 7 maggio e ci si sposterà a Bologna e Milano rispettivamente il 9 e 10 maggio. In queste date, che fanno parte di un tour che coinvolgerà diversi paesi europei, verranno proposti i brani più belli di Evolution: dal singolo Caught in the middle già debuttato in radio fino a Stamina, Boxer, Not Coming Down, Reckless, Redlight, Before e così via.

Questo sarà un tour molto importante per la star americana, perché non solo decreta il suo ritorno sulla scena con brani nuovi, ma perché a conti fatti celebra i quasi venti anni di carriera. Ma come si sente Anastacia oggi che è una star consolidata, oggi che è una donna che può guardare con orgoglio a un passato ricco di passaggi difficili ma anche di enormi soddisfazioni?

“Anche grazie a questo album sento di essere la stessa che ero all’inizio: sono felice di ritrovarmi come una volta nonostante tutto ciò che ho vissuto nel frattempo, dai problemi di salute, alla vita fino alla musica. Mi sono chiesta se volessi essere suonata ovunque, magari ricorrendo all’Autotune e collaborando con qualche rapper, ma alla fine ho deciso di voler avere anche meno pubblico, ma di godermi ogni singolo momento di ciò che faccio, specie quando canto. L’unica cosa che sento essere cambiata in me è la saggezza: oggi mi sento più saggia e persino meno spaventata dalla tecnologia.

Evolution, che è il titolo del suo ultimo album, si chiama in questo modo proprio perché vuol parlare dell’evoluzione di un’artista che ne ha passate di cotte e di crude e che oggi, a 50 anni, vuol guardare con più forza al futuro.

“Siamo perennemente in evoluzione, anzi forse tendiamo ad andare pure troppo veloci. Ma dobbiamo andare avanti e non lasciarci scorrere tutto addosso, trovando i lati positivi che ci vengono offerti. In questo album devo riconoscere che la più grande evoluzione è quella che ho compiuto come donna. Resurrection, che è il mio disco precedente, parlava sostanzialmente di ricominciare tutto e di ricercare la donna che avevo tenuto nascosta. Evolution invece è qui per dire a tutti che quella donna l’ho ritrovata e che Anastacia non se ne va proprio da nessuna parte!”.